Previous PageTable Of ContentsNext Page

Le medie condizionate.

Ciò che abbiamo bisogno di conoscere è il variare in media del titolo A al variare in media del titolo B.

Per la prima quotazione di B (X=15), le frequenze osservate di Y sono registrate nella prima colonna della griglia (4,4,0).

Pertanto, adottando la Formula 1, il valor medio di Y condizionato da X, quando esso assume il valore 15, è uguale a :

((50x4)+(70x4)+(100x0)) / 8 = 60

Banale è quindi il calcolo delle restanti 3 medie condizionate. Esse sono:

74, 100, 70.

N.B.: parliamo di condizionamento perché ciò che appunto vogliamo appurare è se la distribuzione di X influenza la distribuzione di Y.

Bene !

Abbiamo così compiuto il primo importante passo (4 indicatori statistici riassuntivi della nostra osservazione che, però, sono ancora slegati tra loro) di un cammino che ci porterà a calcolare un unico indicatore statistico, più esplicativo e complesso (l'indice di miglioramento con il modello lineare) , da impiegare per rispondere al quesito postoci inizialmente.

Grazie alle medie condizionate, possiamo intanto riassumere le nostre osservazioni con l'ausilio della grafica.

Previous PageTable Of ContentsNext Page

Le decisioni d’impresa, spesso, non sono né giuste né sbagliate: noi ti aiutiamo, però, affinché esse siano sempre le migliori”.

Conseguire un vantaggio competitivo con l’analisi dei dati aziendali

Richiedete la soluzione gratuita di un vostro caso aziendale

La statistica nelle decisioni aziendali

Invia un mail a webmaster@statix.ch con i tuoi commenti su questo sito.
Copyright © 2000, Statìx - metodi quantitativi d'impresa
Ultimo aggiornamento: 06 dicembre, 2014